dal 6 al 17 aprile 2022

feriali ore 20,30 festivi ore 16

presenta
Su licenza esclusiva THE REALLY USEFUL GROUP – LONDON

logo JCS

Musica di Andrew Lloyd Webber    Liriche di Tim Rice
regia di Massimo Romeo Piparo

con
Ted Neeley
Gesù

con la partecipazione di
Frankie Hi-Nrg MC
nel ruolo di Erode

FOTO DELL’EDIZIONE 2018

Sono oltre 2 milioni gli spettatori che in Italia e in Europa hanno già vissuto le grandi emozioni di “Jesus Christ Superstar“, il Musical di Massimo Romeo Piparo considerato un vero e proprio fenomeno internazionale, prodotto dalla PeepArrow Entertainment nella versione originale di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice, che a Pasqua dal palco del Sistina inizierà un nuovo, imperdibile tour italiano.
Conosciuto come “l’opera rock più amata di tutti i tempi”, lo spettacolo è in scena al Teatro Sistina, segnando il ritorno di un titolo che non conosce i segni del tempo e di grande spessore artistico, sempre premiato da pubblico e critica.
Straordinario protagonista di un cast di incredibile talento sarà ancora una volta il carismatico Ted Neeley, il Gesù originale del celebre film di Norman Jewison del 1973, chiamato a dare volto, corpo e voce a un personaggio che rinnova un mito eterno, il cui messaggio di pace, spiritualità e dialogo è oggi più che mai necessario. La “resurrezione” di Cristo sul palcoscenico sarà emblema di rinascita, dopo la catastrofe umana e culturale lasciata dalla pandemia, e anche ora che si sta consumando l’ennesima, sanguinosa guerra.
Ed è proprio nel costante collegamento con il nostro presente che “Jesus Christ Superstar” anche in questa edizione rinnova e amplifica il suo grande valore simbolico. Tra le assolute novità del 2022, ci sarà l’esordio di Frankie Hi-Nrg nel ruolo di Erode, per la prima volta in versione hip-hop. Precursore italiano del genere (è stato il primo italiano a pubblicare un brano hip-hop per una major nel 1992), Frankie Hi-Nrg vestirà infatti i panni di un personaggio che evoca tristemente la tremenda attualità di un “comandante” egoista e concentrato su se stesso al punto di trascurare il reale interesse del proprio popolo e del Regno che dovrebbe rappresentare.

 

Nel suo essere veicolo di valori eterni e positivi, attraverso il racconto della passione di un uomo-simbolo capace di fare della spiritualità la sua bandiera rivoluzionaria, lo spettacolo non poteva non rappresentare anche l’immane tragedia a cui il mondo assiste ormai da settimane e offrire con il linguaggio universale dell’arte la propria vicinanza all’Ucraina. Scandendo il tempo della incalzante musica nella scena delle 39 frustate inferte a Gesù, saranno dunque proiettate le ormai mitiche 39 immagini di martiri contemporanei, con un “nuovo”, potente finale che sarà il grido di dolore del popolo ucraino.
Un grido di perdono che rappresenta la speranza di mettere fine all’orrore della guerra, celebrando idealmente il ritorno alla pace: canteranno insieme l’ucraina Sofiia Chaika e la russa Anna Koshkina sul palco del Sistina, in uno spettacolo che con il tema della “Resurrezione” esprime già un messaggio fortemente simbolico, veicolando valori universali e positivi, le due artiste saranno al centro di un momento di grande impatto emotivo: il mezzo soprano Sofiia Chaika, che in tutta l’opera interpreta Maria Maddalena, e il soprano Anna Koshkina, anche lei nei panni dello stesso personaggio, canteranno infatti con le rispettive bandiere sulle spalle, “Could We Start Again, Please?”, brano scritto da Lloyd Webber e Tim Rice nel 1970 (il cui titolo significa “Potremmo ricominciare daccapo, per favore?), nel quale il riferimento è agli Apostoli e a Maria Maddalena, ormai consapevoli che tutto sta tragicamente volgendo al termine.
Il testo appare come una supplica, per poter ripartire da zero e ricominciare a dialogare, superando ogni divisione.

 

Combinando in modo perfetto la musica rock in stile anni ’70, la tradizione del musical e una storia dai valori universali, Jesus Christ Superstar è un musical che non conosce confini, capace di conquistare spettatori di tutte le età e di ogni nazionalità. A dimostrarlo, i numeri della sua gloriosa storia: 12 anni consecutivi in cartellone nei Teatri italiani dal 1994 al 2006; più di 1.600 rappresentazioni; oltre 2 milioni di spettatori in Italia e in Europa; oltre 190 artisti che si sono alternati nelle diverse edizioni: tra gli altri, i compianti Carl Anderson e Barry Dennen -rispettivamente Giuda e Pilato nel film originale- in scena in Italia nel 2000 il primo e dal 2014 al 2017 il secondo, ma anche Yvonne Elliman (Maria Maddalena dello storico film), i Negrita, Simona Molinari, Shel Shapiro, Mario Venuti, Max Gazzè, Simona Bencini, Amii Stewart, Elio, di Elio e le Storie Tese, ecc. E naturalmente Ted Neeley, protagonista dal 2014.

 

Con il suo imponente e spettacolare allestimento, lo spettacolo, in scena in lingua inglese, non solo celebra il talento ma rende onore all’Italia sui palcoscenici internazionali, dimostrando che il nostro Paese ha raggiunto ormai livelli competitivi in termini di qualità artistica e professionalità nel musical. Ne sono prova i sold out e le standing ovation a scena aperta che da anni accompagnano lo spettacolo, così come il prestigioso MusicalWorld Award, uno dei riconoscimenti internazionali più autorevoli nell’ambito del musical, che ha premiato il Jesus Christ Superstar prodotto dalla PeepArrow Entertainment di Massimo Romeo Piparo come migliore produzione internazionale in Olanda nel 2016.

visita il sito ufficiale: www.jesuschristsuperstar.it

Poltronissime € 46,00

Poltrone € 42,00

I galleria € 38,50

II galleria € 32,00

III galleria € 24,00