titolo_direzione_artistica

Massimo-Romeo-PiparoFigura di spicco dello spettacolo italiano, regista, autore e produttore dei più grandi successi teatrali e televisivi degli ultimi anni, Massimo Romeo Piparo è il Direttore Artistico del Teatro Sistina.

Già direttore artistico del Teatro Nazionale di Milano, del Teatro Greco di Tindari e del Teatro Stabile di Messina, ha diretto in teatro, oltre a varie edizioni di Jesus Christ Superstar,  i musical Evita, Tommy, My Fair Lady in diverse edizioni, La febbre del sabato sera, Lady Day, Alta società, Hairspray, Cenerentola, La Cage aux Folles , Rinaldo in campo, The full monty, Sette spose per sette fratelli, Tutti insieme appassionatamente, Billy Elliot, la commedia Smetti di piangere Penelope e la commedia musicale Il Marchese del Grillo.
Nel 2017 firma la prima versione completamente italiana del musical Mamma Mia.

Numerosissimi gli artisti italiani e stranieri che sono stati diretti da Massimo Romeo Piparo. Tra i principali: Ted Neeley, Carl Anderson, Bob Simon, Sebastien Torkia, Amii Stewart, Corrado Guzzanti, Marco Mazzocca, Daniele Pecci, Vanessa Incontrada, Serena Autieri, Fabio Troiano, Max Gazzè, Matteo Becucci, Mario Venuti, Simona Bencini, Ivan Cattaneo, Giorgio Faletti, Luca Biagini, Gaia De Laurentiis, Tosca D’Aquino, Samuela Sardo, Antonio Cupo, Stefano Masciarelli, Roberta Lanfranchi, Vittoria Belvedere, Luca Ward, Paolo Ruffini, Paolo Calabresi, Gianni Fantoni, Sergio Muniz, Jacopo Sarno, Pietro Sermonti, Massimo Ghini, Cesare Bocci, Enzo Iacchetti, Marco Columbro, Malika Ayane.

In TV ha lavorato, tra gli altri, con: Mike Bongiorno, Maria De Filippi, Fabrizio Frizzi, Massimo Giletti, Fiorello, Milly Carlucci, Lorella Cuccarini, Massimiliano Ossini, Loretta Goggi, Marco Liorni, Paola Ferrari, Tiberio Timperi.

Nel 2016 ha fondato l’Accademia Sistina,  la grande officina creativa multidisciplinare per ragazzi dagli 8 ai 16 anni, per l’insegnamento delle performing arts.

“”E’ davvero un grande onore” – dichiara Piparo –“ “ereditare il ruolo di Pietro Garinei. La prima volta che misi piede al Sistina fu nel 1995; un giorno Garinei mi convocò e – dandomi del Lei come faceva con tutti – mi disse: “Piparo Lei mi ricorda Garinei da giovane. Le auguro di diventare Garinei da vecchio.”